servizi e consulenze

organizzative

e segretariali

Curatele private

Mandati precauzionali

Direttive del paziente

CHI SIAMO

Lo Studio Simona Negri-Ambiveri, con sede a Morcote nasce nel 2016 da una ventennale esperienza lavorativa nel settore terziario per soddisfare la costante richiesta di consulenze professionali e servizi organizzativi e segretariali di privati, artigiani, piccole società e associazioni.

Con il servizio in outsourcing si offre la possibilità di contenere i costi mensili e poter continuare serenamente lo sviluppo aziendale e famigliare.

Occuparsene il prima possibile. In molti casi, nel primo stadio di una malattia degenerativa, l’interessato è ancora perfettamente in grado di prendere autonomamente le decisioni che riguardano il normale svolgimento della propria vita.

Tuttavia, ad ognuno di noi può capitare qualcosa, un grave incidente per esempio, che potrebbe renderci incapaci di prendere decisioni. A questo punto sono gli altri che devono decidere per noi.

Lo Studio accetta incarichi per mandati precauzionali e direttive del paziente. Lo Studio è inoltre attivo in una Autorità Regionale di Protezione in qualità di curatore privato.

SERVIZI

 

Economia domestica, piccola attività o associazione: un’accurata gestione organizzativa e segretariale è la base del successo.

• Artigiani, Piccole Società, Associazioni

Le piccole società ma soprattutto le imprese artigianali occupano la maggior parte delle risorse e del tempo sui “cantieri”. Anche le associazioni faticano sempre più a trovare il tempo per la parte burocratica e organizzativa. Per essere sempre in linea con i lavori di ufficio possono delegare queste incombenze allo Studio che penserà alla corretta organizzazione dell’impresa.

• Curatela privata

Un’ordinata ed efficiente gestione dell’economia domestica permette alle famiglie un’ottimizzazione delle risorse e dei costi. L’offerta può comprendere inoltre contatti con le istituzioni, enti cantonali, assicurazioni e lavori generali di segretariato.

• Mandato precauzionale

Ogni persona che ha l’esercizio dei diritti civili (art. 17 CC), che è quindi maggiorenne, capace di discernimento e che non è sottoposto a curatela generale, può allestire un documento, chiamato mandato precauzionale, nel quale designa la persona che si occuperà della cura dei sui interessi nel caso in cui diviene incapace di discernimento (art. 360 CC).
I compiti attribuiti possono riguardare:
• la cura della propria persona;
• la cura dei propri interessi patrimoniali;
• la rappresentanza nelle relazioni giuridiche.
Se il mandante recupera la capacità di discernimento,
il mandato si estingue per legge (art. 369 CC).
Gli atti del rappresentante sottostanno alle regole del mandato (CO, art. 394 e segg.).

• Direttive del paziente

Con le direttive anticipate ogni persona capace di discernimento può indicare i provvedimenti medici ai quali vuole o non vuole essere sottoposta nel caso in cui diventa incapace di discernimento (art. 370 CC) oppure designare un rappresentante terapeutico. La persona interessata può anche, alle stesse condizioni, designare una persona di fiducia che può decidere, in suo nome, un provvedimento medico qualora non sia più in grado di esprimersi (art. 370 CC). La sola esigenza personale è la capacità di discernimento, quindi anche un minorenne o un curatelato può allestire delle direttive, è sufficiente che comprenda la portata dell’atto e che sia in grado di valutare le conseguenze.